Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più

Blog

  • Home
  • Blog
  • Notizie e curiosità
  • Il Pinot Grigio è DOC!
  • 3272

    Il Pinot Grigio è DOC!

    Una svolta importante per il nostro Pinot Grigio che, da vino ad Indicazione Geografica Tipica, passa ad essere Doc delle Venezie. O meglio, una “super “ Doc data la sua estensione territoriale.
    Il Pinot Grigio è infatti la quarta varietà di uva coltivata in tutto il territorio italiano, ma le protagoniste indiscusse sono le regioni del Triveneto (Veneto, Trentino e Friuli Venezia Giulia) con circa l’ 85% della produzione complessiva nazionale ed il 43% a livello mondiale.
    Numeri che non possono lasciare indifferenti, che hanno portato nel 2017 alla conclusione dell’iter per la creazione di questa nuova Doc. A partire dalla vendemmia 2017 il Pinot Grigio è diventato un vino a Denominazione di Origine Controllata a tutti gli effetti ed il Prowein 2018, da poco conclusosi, è stato il primo trampolino di lancio per darle visibilità a livello internazionale. Il nuovo Pinot Grigio DOC delle Venezie  include l’ex IGT e tutta la produzione del Pinot Grigio DOC del Triveneto, mantenendo le caratterizzazioni territoriali di ciascuna zona.
    E’ un cambiamento importante, volto a valorizzare il Pinot Grigio ed a fornire delle garanzie e standard qualitativi ai consumatori ed al mercato.

    Ma ora capiamo un po’ meglio cosa è una Doc e cosa cambia per il Pinot Grigio con questa nuova Denominazione.

    Partiamo dalla base…cos’è il disciplinare di produzione?

    E’ un insieme di  regole che i produttori devono rispettare per poter certificare i proprio vini come IGT, DOC e DOCG :

    I disciplinari sono divisi in articoli che trattano i seguenti punti:

    la denominazione, a quali vitigni si riferisce ed in che percentuale. Inoltre ne definisce la localizzazione ed i suoi confini

    la resa dell'uva, la densità delle viti ed il metodo di allevamento, il titolo alcolometrico minimo dell'uva

    definisce le operazioni di vinificazione

    stabilisce le caratteristiche tecniche del prodotto finito come colore, odore, gradazione alcolica effettiva, acidità totale, estratto secco minimo

    specifica le designazioni (ovvero gli specifici nomi legali dei vini legati alla denominazione), le menzioni (ad esempio, riserva, millesimato, ecc.), le prescrizioni per l'etichettatura e presentazione del prodotto;

    i legami con il territorio;

    fornisce i riferimenti all’ organismo di controllo designato (l'ente di certificazione).

    Come funziona la Doc?

    La Doc è una denominazione che riconosciuta ai vini prodotti in un’area geografica, di piccole o medie dimensioni, limitata e circoscritta, con l’utilizzo di uve autoctone e secondo un protocollo tradizionale. Il Pinot Grigio, per potersi fregiare della nuova Doc delle Venezie, dovrà essere sottoposto  ad un protocollo di analisi chimico-fisica e poi ad una valutazione organolettica, che certifichino il rispetto dei requisiti che sono previsti dal disciplinare. La Doc delle Venezie prevede l’apposizione della fascetta di stato sulla bottiglia.

    Cosa fa la differenza tra un vino Igt ed un vino Doc?

    La regolamentazione dei vini a Indicazione Geografica Tipica è meno rigida rispetto a quella dei vini DOC. Tale dicitura è usata per indicare i migliori vini da tavola ottenuti da aree di produzione più ampie rispetto ai vini DOC, ottenuti da determinate uve cresciute in territori ben definiti. I requisiti imposti dal disciplinare di una Doc sono quindi più restrittivi rispetto a quelli dei vini Igt. Grazie alla Doc ed al disciplinare che ne impone degli standard produttivi e qualitativi di tutto rispetto, il nostro Pinot Grigio sarà finalmente tutelato e garantito dal Consorzio delle Venezie.

    Per saperne di più http://dellevenezie.it/

    Non vi resta che stappare e godervi una bottiglia del nostro Pinot Grigio delle Venezie Doc,

    Cin Cin!

     

    VM

     

    Condividi sui social network