Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più

Le tradizioni del veronese

  • Home
  • Blog
  • Le tradizioni del veronese
  • 347

    La barca di San Pietro

    La notte tra il 28 e il 29 Giugno, secondo la tradizione popolare, è la notte del veliero di San Pietro. Questa usanza diffusa soprattutto in Veneto, Trentino e Lombardia, prevede che si  lasci un contenitore di vetro riempito d’acqua all’aperto, in un prato o sul balcone, e si faccia colare dell’albume d’uovo al suo interno. Durante la notte, l’albume andrà a creare delle forme che ricordano un vero e proprio veliero.   Secondo la credenza, l'apostolo San Pietro (che era un pescatore) andrebbe la notte a...

    Continua a leggere...
    673

    La renga de Parona, un po' di storia

    La renga, ovvero l’aringa, è un piatto tipico della tradizione veronese. Questo preparato a base di pesce, viene servito tradizionalmente con la polenta il primo Mercoledì di Quaresima a Parona, un piccolo borgo che si affaccia sul fiume Adige. A questo prodotto è dedicata la Festa della Renga, che nasce da una tradizione antica, quando ancora l’Adige era navigabile e Parona era un importante scalo fluviale. Durante il fine settimana, la navigazione in questo tratto del fiume era proibita ed i barcaioli erano costretti a sostare nel porticciolo di...

    Continua a leggere...
    476

    Il Carnevale veronese: la gran cabala del gnoco!

    Oggi, Venerdì Gnocolar, come da tradizione sulla nostre tavole non potranno mancare gli gnocchi. Ed a Verona, è subito poesia. Quella che Berto Barbarani, grandissimo poeta dialettale veronese, ha dedicato allo gnoco ed alla sua ricetta! Allora, godiamoci questa bellissima poesia ed a seguire...le dosi per preparare gli gnocchi! ;-)   LA CABALA DEL GNOCO (Berto Barbarani) Eco qua, mondo pitoco, la gran cabala del gnoco!   Drita in mèso a la cusina, co la càpola de gala, me comare moscardina, la se giusta la...

    Continua a leggere...
    570

    Soprèssa e vin

    Nel veronese, Gennaio è il mese del mascio (per i meno avvezzi al dialetto del luogo, si pronuncia mas-cio e significa maiale). “Far su el mascio” è una tradizione dalle antiche origini che prosegue tutt’oggi. La macellazione del suino e la sua trasformazione in salumi ed insaccati erano (e sono) un solenne rituale, compito della persona più esperta del luogo, il bacàn. In questa occasione l'intera comunità si riuniva per lavorare, ma anche per festeggiare l'abbondanza e godersi dei gustosi momenti a base di soppressa e...

    Continua a leggere...