Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più

Blog

  • Home
  • Blog
  • Ricette e abbinamenti
  • Pappardelle agli asparagi e gamberetti
  • 1790

    Pappardelle agli asparagi e gamberetti

    Si è finalmente aperta la stagione degli asparagi

    Iniziamo con qualche consiglio su come sceglierli!

    Le varietà degli asparagi si differenziano principalmente a seconda della zona ed in base al colore (bianchi, verdi, violetti), inoltre possono essere coltivati (Asparagus Officinalis) oppure selvatici (Asparagus Acutifolius, in Veneto conosciuti come bruscandoli).

    Una piccola curiosità: sapevate che la differenza tra gli asparagi bianchi e quelli verdi è data dalla loro esposizione alla luce? Infatti, durante la loro crescita, gli asparagi sono di colore bianco finché non spuntano in superficie. E’ solo a contatto con la luce che diventano inizialmente di colore rosa e violaceo e poi verde. Per ottenere gli asparagi bianchi è necessario sotterrarli evitando così la luce del sole e quindi la fotosintesi; questi asparagi hanno un sapore più delicato dei verdi. Gli asparagi verdi invece portano a termine il processo di fotosintesi, diventando ricchi di clorofilla.

    Per la nostra ricetta abbiamo scelto di usare gli asparagi verdi.

    Ecco qualche dritta per riconoscere l’asparago più fresco: preferite quelli che hanno alla base un diametro maggiore di 8 mm e sono ben dritti. Devono essere senza ammaccature o rotture e fate attenzione alle punte: più fresco è, più le punte saranno unite e dure.

    Come abbinare il vino agli asparagi?

    Spesso si pensa che l’asparago, dato il suo sapore forte, sia il peggior nemico del vino. Ovviamente così non è, ma bisogna saper scegliere il vino giusto. La presenza dell’asparagina ed alcuni solfati che producono sostanze tanniche, astringenti ed erbose, portano ad essere accentuate al palato sensazioni leggermente amarognole. Per questo motivo sono da preferire vini fruttati, che ripuliscano le componenti sulfuree degli asparagi e che abbiano tannini pressoché nulli.

    Ed allora perfetto è l’abbinamento con il nostro Soave Classico “Campolungo” o con uno spumante metodo Charmat, il nostro Brut bianco “Perla”.

    Ecco quali ingredienti ci serviranno:
     

    320 gr pappardelle all’uovo

    400 gr asparagi verdi

    200 gr code di gamberi sgusciate

    1 cipolla

    30 gr burro

    200 ml panna fresca

    Sale e pepe

    Prezzemolo tritato

     

    La preparazione passo passo:

    Pulite gli asparagi e metteteli a bollire in un tegame alto e stretto, tenendo le punte fuori dall’acqua. Il tempo di cottura ottimale è tra i 5-7 minuti.

    Togliete gli asparagi dalla pentola e tagliatene metà a rondelle. Conservate le punte per guarnire il piatto. Usate l'altra metà per creare una salsa: frullate gli asparagi con un mestolo di acqua di cottura fino ad ottenere un composto cremoso.

    Sciogliete 30 gr di burro in una casseruola antiaderente, facendo appassire una cipolla finemente tritata.

    Aggiungete le code di gamberi sgusciate, cuocete qualche minuto ed unite gli asparagi e la salsa. Fateli saltare qualche istante, aggiungete la panna, poi salate e pepate a piacere.

    Lessate le pappardelle, scolatele e tenete da parte un po’ di acqua di cottura; unite la pasta al sugo, saltandola brevemente ed aggiungendo, se necessario, un goccio di acqua di cottura.

    Guarnite con le punte di asparagi tenute da parte, spolverate con il prezzemolo tritato e servite le pappardelle agli asparagi e gamberi ancora calde.

    Servite il piatto con un calice del nostro Soave Classico “Campolungo” ben freddo.
     

    Buon appetito!

     

    Condividi sui social network