Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. OK Voglio saperne di più

Blog

  • Home
  • Blog
  • Ricette e abbinamenti
  • Il vino in cucina
  • 1682

    Il vino in cucina

    Sin dai tempi antichi il vino, oltre che essere il nettare degli dei, è sempre stato un ottimo alleato per la preparazione del cibo. Infatti regala gusto ed aroma ai piatti, dona acidità e corpo, ed inoltre contribuisce a dare colore.
    Molti hanno la convinzione che cucinare con un vino magari avanzato ed ormai ossidato, non influenzi la riuscita dei piatti (serve solo a dare un tocco in più, dicono). La qualità del vino, invece, è fondamentale: un vino scadente aggiungerebbe solo aromi e sapori sgradevoli al cibo.
    Come elemento base della cucina viene spesso utilizzato per sfumare, ovvero viene versato a piccole dosi sull’alimento in cottura e lasciato evaporare, regalando cremosità al piatto e donandogli morbidezza.
    Avete mai sentito parlare del formaggio ubriaco? Ebbene sì, esiste :-) Infatti il vino si utilizza anche nella produzione di formaggi, oppure per marinare la carne, che si ammorbidisce, e per la preparazione di salse di accompagnamento.
    Molte preparazioni tradizionali dolci (come le cartellate pugliesi) o salate (i taralli) hanno come ingrediente fondamentale dell’impasto il vino che, grazie ai lieviti in esso presenti, contribuirebbe a far lievitare leggermente la pasta.

    Ma qual è il vino più adatto per cucinare?

    Generalmente si utilizzano i vini bianchi per preparare zuppe e piatti a base di pesce e verdure, mentre i rossi sono perfetti per piatti di carne, come gli stufati e i brasati. I vini rosati sono un po’ il jolly della cucina: si possono utilizzare infatti sia per piatti di carne che di pesce.
    Se non sapete quale vino scegliere per la pasta ed i risotti, la soluzione è semplice: quello che preferite!
    Per quanto riguarda le bollicine, dovete assolutamente provare il risotto allo spumante.
    Tradizione vuole che i vini dolci ed i passiti siano invece utilizzati per preparare dolci, creme e macedonie. 

    Ora non vi resta che sbizzarrirvi con le ricette...e ricordate che l'abbinamento con gli stessi vini utilizzati nella ricetta è in genere un'ottima soluzione ;-)

    Buon appetito!

    VM

    Condividi sui social network